LOADING

Type to search

Gli Emirati Arabi Uniti raggiungono 15 milioni di dosi di vaccino e guidano la classifica mondiale

Share

Nelle ultime 24 ore sono state somministrate ben 103.196 dosi di vaccino.

Il programma nazionale di vaccinazione degli Emirati Arabi Uniti raggiunge un nuovo traguardo: 15 milioni di dosi somministrate e primo posto nel tasso di distribuzione del vaccino a livello globale.

Sabato, le autorità hanno annunciato che nelle ultime 24 ore sono state somministrate ben 103.196 dosi di vaccino per raggiungere un totale di 15,04 milioni di dosi con un tasso di distribuzione di 152,10 dosi per 100 persone.

Il risultato assume un significato maggiore in quanto arriva in una settimana in cui l’aggiornamento epidemiologico Covid-19 dell’OMS ha rivelato che la variante Delta – un ceppo più trasmissibile di Covid-19 – è stata segnalata in 85 paesi in tutto il mondo, compresi i paesi del GCC esclusi gli Emirati Arabi Uniti.

Gli esperti medici hanno elogiato la gestione della situazione Covid da parte degli Emirati Arabi Uniti fino ad oggi con test RT-PCR, app di tracciamento, trattamento di livello mondiale, strutture di quarantena e isolamento, norme rigorose tra cui contenimento dei viaggi e restrizioni alle frontiere, il tutto rafforzato dalla riuscitissima campagna vaccinale.

Anche se negli Emirati Arabi Uniti non sono state segnalate nuove varianti, i medici hanno notato che la minaccia di Delta e Delta Plus era motivo di preoccupazione.

Il dottor Rajesh Kumar Gupta, specialista in medicina interna al Burjeel Specialty Hospital, Sharjah, ha affermato che entrambe le varianti sono il 40% più infettive, il 100% più trasmissibili e altamente contagiose.

“Le varianti comportano un rischio maggiore di ricoveri, colpiscono maggiormente i giovani e sono più resistenti ai controlli sanitari e alle misure di prevenzione”.

I medici hanno sottolineato l’impatto della campagna di vaccinazione degli Emirati Arabi Uniti nel “mantenere la situazione sotto controllo”. La vaccinazione continua ad essere lo “strumento più efficace” contro qualsiasi variante, inclusi Delta e Delta Plus.

Il dottor Umar Majid, pneumologo specialista al NMC Specialty Hospital, Al Ain, ha dichiarato: “La variante Delta è stata rintracciata di più tra coloro che non sono stati vaccinati. Per prevenire l’infezione e gravi problemi di salute, le persone non vaccinate dovrebbero essere incoraggiate a sottoporsi alla somministrazione del vaccino”.

La dottoressa Phalguna Kousika Katakam, pediatra specialista presso il Dar Al Shifa Medical Centre, Abu Dhabi, ha osservato che la vaccinazione riduce le possibilità di ricovero nei casi infetti dalla variante Delta.

Su Delta Plus, il dottor Gupta ha affermato che la variante mutante sembra sfuggire all’immunità umana e ha sottolineato l’importanza della vaccinazione.

“La variante potrebbe essere immune agli anticorpi prodotti dai vaccini o dalle infezioni pregresse da Covid prodotte dagli anticorpi o dal nuovo cocktail di anticorpi monoclonali. Pertanto, la vaccinazione di massa precoce è ancora il cardine della prevenzione, insieme all’isolamento e ad altre misure per limitare la diffusione”.

I medici hanno esortato coloro che non hanno ancora ricevuto il vaccino di sottoporsi alla somministrazione gratuita. Attualmente, Sinopharm, Hayat-Vax, Pfizer-BioNTech, Sputnik V e Oxford-AstraZeneca vengono offerti al gruppo idoneo oltre alla fornitura di dosi di richiamo.

 

Per consultare l’articolo in lingua originale: https://www.khaleejtimes.com/coronavirus-pandemic/uae-hits-15-million-vaccine-doses-leads-world-rankings