LOADING

Type to search

Gli EAU possono generare 43.000 posti di lavoro nei prossimi 10 anni

IICUAE Press
Share

Secondo il rapporto Upskilling for Shared Prosperity del WEF, colmando il deficit di competenze, il PIL degli EAU guadagnerà 16 miliardi di Dh16.

Gli EAU guadagneranno 4,3 miliardi di dollari (15,8 miliardi di dh) di PIL, che equivale allo 0,6% del PIL del paese.

Il rapporto sottolinea che i paesi con una forza lavoro qualificata, ma con mercati del lavoro relativamente più piccoli, vedranno meno benefici, come gli EAU, dove il settore privato è sottosviluppato.

Per far progredire le competenze, gli EAU hanno lanciato il programma Accelerator per formulare nuovi modelli di business e strumenti pratici per colmare il divario.

Il rapporto sostiene che molte economie basate sul petrolio, come i paesi del CCG, dovranno affrontare sfide più grandi perché il capitale e i cittadini qualificati sono fortemente occupati in settori che non sono tra i più innovativi o soggetti ad un’elevata crescita a lungo termine.

Gli investimenti in competenze, infatti, non si traducono in elevati ritorni economici e sociali in Medio Oriente, Nord Africa e Turchia, soprattutto a causa di uno squilibrio tra i posti di lavoro e un’economia sbilanciata costituita da un settore pubblico dominante e da un settore privato sottosviluppato.

L’Upskilling potrebbe portare alla creazione netta di 5,3 milioni di nuovi posti di lavoro entro il 2030.

 

Elaborato da IICUAE, per leggere l’articolo completo, clicca sotto.

Articolo completo