LOADING

Type to search

Expo Dubai, si prospettano 1,7 miliardi per l’Italia

Share

L’Italia sarà al centro dell’esposizione universale con sessanta eccellenze del Made in Italy. L’ultima a entrare in campo è stata la Saipem che con il suo amministratore delegato Stefano Cao, ha siglato un accordo con il commissario generale dell’Italia per l’Expo, Paolo Glisenti. La società parteciperà in qualità di partner tecnico come official premium provider del padiglione Italia e sarà presente con una installazione ispirata alle energie rinnovabili.

La presenza italiana ad Expo Dubai 2021 avrà importanti ricadute per il sistema Paese, stimate in 1,7 miliardi di euro annui nei 3-4 anni successivi alla manifestazione. I visitatori stando alle previsioni diffuse prima della crisi pandemica, saranno milioni per l’intera esposizione, considerando accessi fisici e virtuali, mentre ammonteranno a mila al giorno quelli attesi per il padiglione italiano. I lavori per ultimare il padiglione Italia, realizzato con un mix di materiali completamente sostenibili, si concluderanno nei prossimi mesi e il tema italiano scelto per l’esposizione è “Beauty connects people” (la bellezza unisce le persone).

L’Expo di Dubai sarà una vetrina cruciale per le aziende della penisola con risvolti significativi per l’export, ma non solo: vi saranno riscontri positivi anche per i settori che si muovono verso la sostenibilità, come Saipem, ma anche per l’economia dello spazio e le scienze della vita, come pure per l’education e l’industria creativa, in particolare il design. Tuttavia, i benefici complessivi vanno comunque al di là dei numeri perché, come sottolinea il commissario Paolo Glisenti, c’è un tema di relazioni diplomatiche legate alla transizione energetica «che apriranno per l’Italia rapporti e prospettive interessanti» in quei mercati, dove anche Saipem- che in Medio Oriente è sbarcata già negli anni ’70 nell’ Emirato di Abu Dhabi e ha la sua base logistica nell’Emirato di Sharjah- punta a consolidare la sua presenza.

Elaborato da IICUAE su fonte Il Sole 24 ore.

Previous Article
Next Article

Next Up