LOADING

Type to search

Dubai inaugura un laboratorio di analisi alimentare. L’Italia al vertice in Europa.

Share

Il laboratorio alimentare lanciato lunedì a Dubai testerà i residui di pesticidi in frutta e verdura, ha annunciato il comune. Il laboratorio di analisi degli alimenti del Dubai Central Laboratory (DCL) è stato allestito presso il mercato della frutta e verdura di Al Warsan.

Vengono effettuati test elettronici su frutta e verdura fresca, latte, cereali di ogni tipo, miele, spezie e riso.

All’inaugurazione della struttura, Dawoud Al Hajri, direttore generale della municipalità di Dubai, ha affermato che il laboratorio garantisce la sicurezza alimentare. “Ci sforziamo sempre di sviluppare i nostri servizi per stare al passo con i recenti sviluppi scientifici nel campo dei test in generale e dei test sui prodotti alimentari in particolare. Ciò viene fatto per garantire che siano privi di contaminanti o materiali che violano gli Emirati Arabi Uniti. e standard internazionali per i prodotti alimentari “, ha detto Al Hajri.

Il laboratorio dispone delle “ultime tecnologie e dispositivi specializzati avanzati” per testare i residui di insetticidi. Il comune ha definito il laboratorio “il primo nel suo genere” che fornisce servizi ai fornitori di cibo a Dubai e “aumenta la fiducia dei consumatori nei prodotti disponibili sul mercato”.

Come si posiziona l’Italia in materia di monitoraggio qualitativo degli alimenti ?

L’Italia è tra i Paesi che effettua il maggior numero di controlli sui i residui di pesticidi negli alimenti e si posiziona tra quelli con la minor proporzione di campioni fuori legge. Lo sostiene il rapporto annuale sui residui dei fitofarmaci in Europa pubblicato dall’Agenzia europea per la sicurezza alimentare (Efsa). L’Italia è il secondo Paese per numero di campioni analizzati dopo la Germania, ma ha solo il 2,5% dei campioni che superano i limiti di legge, al di sotto del 4,1% dell’Ue.