LOADING

Type to search

Dubai sarà la città più felice e intelligente del mondo

Share

Dubai, crede fortemente nell’importanza della felicità, ora mira ad essere la città più felice e intelligente del mondo e hanno nominato Sua Eccellenza Ohood Al Roumi, Ministro dello Stato per la Felicità e il Benessere, per aiutare a raggiungere i loro obiettivi di rimanendo dieci anni avanti rispetto a qualsiasi altra città del mondo.Il fatto che una delle città più ricche del mondo abbia nominato un dipartimento speciale dedicato alla felicità e abbia nominato una donna durante un periodo di crisi in Medio Oriente, è completamente rivoluzionario. Il

Il fatto che i leader governativi stiano considerando la felicità come una componente essenziale della futura crescita e prosperità del mondo rappresenta un cambiamento epocale nel modo in cui le aziende e i leader apprezzano lo sviluppo.

Rapporto sulla felicità mondiale ha dimostrato che la classifica di un paese sulla felicità dipende da sei condizioni chiave: prosperità economica, incluso un lavoro dignitoso per tutti coloro che lo desiderano; la salute fisica e mentale dei cittadini; libertà delle persone di prendere decisioni chiave sulla vita; reti di sostegno sociale forti e vibranti (capitale sociale); valori pubblici condivisi di generosità; e la fiducia sociale, compresa la fiducia nell’onestà degli affari e del governo.

I recenti sviluppi in psichiatria e le innovazioni nei dati e nell’analisi sociale hanno reso quantificabili i fattori della felicità umana, e questo è ciò che ha aperto le porte ai governi considerando il valore economico del benessere.

“Questo cambiamento nella prospettiva politica è stato in atto da decenni, costruito su una crescente insoddisfazione nell’uso del PIL pro capite come misura sufficiente del progresso umano e ispirato dalla scelta bhutanese più di 40 anni fa di rendere la felicità un obiettivo nazionale, e alimentato da decenni di ricerca volta a creare una scienza disciplinarian della felicità “.

Per visualizzare l’articolo completo visita il sito: Forbes

Tags:

You Might also Like