Dubai, 15.09.2015 - Importante la modifica introdotta nelle procedure del portale del Bureau EXPO Dubai 2020 per la gestione del procurement e dei tender relativi alla realizzazione dell’evento.

L’Ambasciata d’Italia negli Emirati Arabi Uniti (EAU) ci comunica infatti che è venuto meno, in fase di registrazione ed eventuale pre-qualifica, il requisito, prima fondamentale ed imprescindibile, del possesso di una licenza commerciale (trade license) valida negli EAU.

Collegandosi al sito https://esource.expo2020dubai.ae/esop/uae-e20-host/public/web/login.jst, le imprese potranno registrarsi, inserendo nel campo relativo alla "trade license" il numero di licenza commerciale italiana, potendo in tal modo sia aver accesso alle varie opportunità commerciali che saranno ufficializzate dal Bureau, sia fornire tutte le informazioni necessarie sul loro ambito di attività ed expertise.

Secondo quanto riferito dal Bureau all'Ambasciata d’Italia in Abu Dhabi, solo successivamente alla eventuale aggiudicazione della gara, le aziende che non fossero ancora dotate di una licenza commerciale valida negli EAU dovrebbero poi adoperarsi per ottenerla.

La novità è della massima importanza: EXPO Dubai 2020 apre ai soggetti esterni agli Emirati, facilitandone dunque la registrazione con la rimozione dell’onere di ottenere una licenza commerciale valida negli EAU.

L’Ambasciata d’Italia e la Camera di Commercio Italiana negli EAU si augurano un cospicuo numero di registrazioni da parte delle imprese italiane e augurano un buon lavoro all’imprenditoria italiana.